“Scrivo d’Amore. Da Catullo ad Aicha” di Giorgia Butera

Nell’ambito di “Amore Festival”, che si è svolto ad Augusta giorno 31 luglio ed 1 agosto, è avvenuto il debutto del nuovo saggio breve di sociologia della cultura di Giorgia Butera, dal titolo: “Scrivo d’Amore. da Catullo ad Aicha”, prodotto da Mete Onlus.

Un saggio a tratti espressione di libera narrazione autobiografica, di crescita ed evoluzione interiore.

E’ il coniugare il cammino personale a quello di Mete Onlus (organizzazione fondata dall’autrice in seguito alla Comunità Internazionale “Sono Bambina, Non Una Sposa”, nel 2014).

Di fatti, impegni, essere portavoce, chiedere, affermare diritti, sostenere nella libertà, mediare e tutto ciò che è necessario per tutelare la dignità umana.

Aicha, rappresenta la bambina, la donna, che al mondo vede negata la sua condizione. E’ la sposa bambina, la donna costretta ad indossare il burka, sono le donne afghane tornate a vivere la crudeltà di essere bottino da guerra. E’ il salto di gioia della bambina con i pantaloni gialli che dall’Afghanistan arriva in Europa.

“E’ la cultura che spaventa la crescita del mondo, l’istruzione, e dalle pagine del Testo un invito ad accrescere se stessi, senza mai abdicare. Ma anche al ritenere la disabilità uno strumento ineludibile per sviluppare opportunità”, afferma la Butera.

Il testo “Scrivo d’Amore. Da Catullo ad Aicha” è educazione del cuore, ed è alla poesia di Gaio Valerio Catullo che è affidato il sentimento per la vita.

Giorgia Butera è sociologa, scrittrice prolifica ed impegnata nei diritti umani internazionali da Presidente Mete Onlus. “Scrivo d’Amore. Da Catullo ad Aicha” è la 24esima pubblicazione dell’autrice, da sempre attenta ai processi evolutivi sociali, all’educazione sentimentale ed allo sviluppo dell’industria culturale.

Una Donna che ha deciso, sin dall’inizio della sua carriera di viaggiare, incontrare persone, intervenire in conferenze e dibattiti, recarsi nelle scuole, confrontarsi in maniera dialettica e dialogica. Esserci per il pubblico, istaurando un filo diretto che prosegue quotidianamente attraverso la comunicazione digitale, diffondendo messaggi mirati al soggetto recettore (così, come incarnato nella Tecnica di Comunicazione di Francesco Fattorello).

In virtù di questo, Giorgia Butera sta lavorando ad un Programma di Comunicazione Globale e Cultura Democratica.

Il Testo si conclude con una dichiarazione della Butera: “Sono una scrittrice nel cuore, nell’Anima e nell’intelletto. Volevo scrivere libri sin da bambina, desideravo essere gentile nel linguaggio e nel pensiero. Essere tenera, tenace e combattente. Donare Amore attraverso la scrittura. Raccontare storie, interpretare romanzi civili e diffondere conoscenza. Ci sono riuscita, e sono felice”.

Note aree di competenza: Analisi e ricerca sociale, mediazione giuridica e socio-sanitaria, comunicazione istituzionale, sociologia dello sport, sociologia della comunicazione, comunicazione sociale, esperta in VAW, scrittura audiovisuale e cinematografica, studiosa delle dinamiche di gruppo con particolare attenzione alla gestione dei conflitti in contesti educativi e manageriali. Esperta di Best Practice Internazionali.

“Scrivo d’Amore. Da Catullo ad Aicha” è disponibile su Amazon, ed in formato cartaceo.