Donne
11
ott

Mete Onlus per la Giornata Mondiale Onu delle Bambine e delle Ragazze

 

L’Onu, oggi, celebra la giornata mondiale delle bambine e delle ragazze.

La giornata è stata istituita il 9 Dicembre 2011 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per ricordare a chiunque la negazione dei diritti legati all’infanzia ed alla adolescenza.

In un mondo globalizzato, avanguardista e tecnologicamente avanzato, la condizione internazionale delle bambine e delle ragazze, in diverse zone al mondo, è ancora tipizzata da abusi, violenze, sopraffazioni e discriminazioni.

Ogni giorno la Associazione Mete Onlus, presieduta da Giorgia Butera, si impegna nell’attuazione di buone pratiche attraverso attività di informazione e sensibilizzazione acciocchè si formi una nuova consapevolezza, credendo ne “L’Umano Possibile”,anche per ciò che concerne il triste fenomeno delle spose bambine.

Da diversi anni, ormai, la Comunità Internazionale “Sono Bambina, Non Una Sposa” attua una opera di sensibilizzazione, diffusione della conoscenza, e buone pratiche nei confronti di quella umanità offesa dalla convinzione che il legame sentimentale debba essere vincolato ad una costrizione. Molto spesso il matrimonio forzato è il pretesto per relegare il genere femminile ad un ruolo di schiava sessuale, sin dalla giovane età.

E finalmente l’opinione pubblica (in ogni sua componente) ha compreso che il fenomeno riguarda anche il territorio italiano, data la notevole presenza di comunità straniere. Mete Onlus, sin dall’inizio del suo operato ha denunciato il fenomeno in Italia.

Il nostro agire è rivolto, anche, alla prevenzione, condizione determinante perché si possa intervenire sia in una logica di difesa da abusi sessuali ed emotivi in atto sia per rafforzare l’educazione al rischio da situazioni di pericolo.

 

 

 

 

Spread the love