8
Lug

La Superiorità Illusoria Razziale e Culturale

 

Il tempo che viviamo è sempre più condizionato da chi crede di essere superiore rispetto ad un altro, molto spesso avviene per ragioni razziali/etniche, altre per questioni culturali.

Io ti sbeffeggio perché tu non vali.

Purtroppo, nonostante sia stato fatto un gran lavoro per risolvere la questione razziale, nell’era attuale stiamo assistendo ad un crescendo di episodi dove “l’essere superiore” vive ed agisce nel convincimento di essere tale.

Ahimè, per lui, non è così.

E’ sicuramente il non saper accettare l’altro, chi è diverso da noi, basterebbe ricordare che non esistono razze, ma unicamente quella umana.

Piuttosto che denigrare, maltrattare, offendere, utilizzare, uccidere chi vive una condizione disumana, aiutiamoli nel ritrovare se stessi.

E per farlo, dobbiamo essere uniti, anche nella divisione.

Rimbalzare nei social dichiarazioni, rispondere a provocazioni significa moltiplicare ed alimentare quell’istigazione all’odio tipica di chi è la perfezione del nulla, ed è vittima consapevole della superiorità illusoria. L’oblio condurrebbe ad una misura importante per ritrovare ordine dopo tanto caos.

E poi ancora, subiamo il festival delle false verità, di illusoria superiorità culturale. Attaccare l’altro deridendolo, accompagnato da emoticon  è quanto di più piccino possa esistere. Anche qui, con buona pace dell’oblio, proseguiamo certi il nostro cammino.

La superiorità non ha alcuna necessità di manifestarsi (neanche nei social), perché tale è.